Saltare
Spedizione nazionale gratuita per ordini superiori a 15,000 yen | SPEDIZIONE GRATUITA DHL IN TUTTO IL MONDO PER ORDINI 30K + yen: Informazione
Spedizione nazionale gratuita per ordini superiori a 15,000 yen | SPEDIZIONE GRATUITA DHL IN TUTTO IL MONDO PER ORDINI 30K + yen: Informazione

Intervista con i designer: Émilie Gillet (strumenti mutabili)

Approccio alla filosofia di progettazione del modulo originale di un produttore molto popolare
* Segue la versione inglese dell'intervista.

Tra i produttori di Eurorack in tutto il mondo, Mutable Instruments è diventato immediatamente molto popolare come pioniere di idee che sfruttano appieno i vantaggi degli stili digitali e di sviluppo che aprono circuiti e cavi. Abbiamo intervistato il rappresentante, Émilie Gillet, inviando e ricevendo un'e-mail. È stato un argomento molto profondo, come il modo in cui hai iniziato il produttore, la politica di progettazione e il futuro di Mutable ed Eurorack, ma penso che sia stata un'intervista che puoi capire bene i suoi pensieri. Allora per favore!

Puoi dirci come sono iniziati gli strumenti mutabili? Cosa stavi facendo prima di iniziare gli strumenti mutabili?

Prima di avviare Mutable Instruments (MI), ero interessato all'elaborazione del segnale (in particolare al rilevamento automatico dei brani come l'estrazione del tempo, il riconoscimento del genere, ecc.) E l'apprendimento automatico. Ho lavorato su queste tecnologie con Google, Last.fm e una piccola startup francese. Il mio lavoro principale era la ricerca e il contenuto della ricerca veniva inserito nel software.

Ho iniziato a giocare con le schede Arduino nel 2009 per studiare personalmente elettronica e sistemi embedded. Il mio primo serio progetto di elettronica fu un synth ibrido monofonico. Alcune persone volevano parlare del synth su diversi forum, quindi ho deciso di iniziare a venderlo come kit fai-da-te. Questo kit (Shruthi-1) è diventato così popolare che dopo molte volte è stato esaurito, ho dovuto creare una società per gestire le tasse. E questa azienda è diventata la mia attività principale e la principale fonte di reddito.

Originariamente MI vendeva sintetizzatori desktop sotto forma di kit fai-da-te. Sono Shruthi, un monosynth ibrido, Ambika, un polysynth ibrido e Anushri, un mono analogico. Perché hai lasciato il mondo del fai-da-te? Ero frustrato dal supporto sempre crescente e volevo fare qualcosa di più potente e bello.

Quando ti sei imbattuto per la prima volta in sintetizzatori modulari (in particolare Eurorack) e quando lo hai saputo per la prima volta, volevi creare subito il tuo creatore di Eurorack e perché?

Ho spesso ricevuto richieste per il modulo oscillatore di Shruthi, ma Eurorack era strano e poco chiaro per me. Avevo bisogno di un LFO, un orologio e una forma d'onda oscillatore standard per testare il circuito che stavo progettando, quindi ho acquistato un sistema Doepfer 2012U nel 6. In altre parole, l'ho comprato come apparecchiatura di prova. Ma sono stato subito affascinato e ho deciso di creare un modulo in questo formato. Sono stato in grado di risolvere un problema che stavo incontrando in quel momento, perché stavo progettando un grande polisintone (come la versione di fascia alta di Ambika) al momento. Ero in perdita. È stato il primo grande progetto di investimento per me. Tuttavia, il modulo Eurorack sembrava più facile da iniziare, si è sviluppato sempre di più e i costi di produzione erano ragionevolmente convenienti.

Certo, i tuoi prodotti erano open source, hardware aperto (codice sorgente e schemi sono stati rilasciati e potrebbero essere riutilizzati se le condizioni fossero soddisfatte) sin dall'inizio. Perché l'hai fatto?

Fu perché ero nel mondo della scienza e degli accademici che lo dò per scontato. Sono rimasto sorpreso dal fatto che le aziende produttrici di hardware e plug-in stessero promuovendo i loro prodotti come se contenessero ingredienti magici. Volevo dissipare l'ansia per un tale modo di rivelare i contenuti. È anche molto frustrante imbattersi in restrizioni interne di firmware e software quando si utilizza l'hardware. Volevamo che l'utente fosse in grado di personalizzare il modulo per aggirare quelle restrizioni.

La tua strategia open source è stata un grande successo.parassitiProduce un firmware di terze parti comeOrnamento e crimineÈ stato riutilizzato in altri moduli open source come. Pensavi che il tuo modo avrebbe influenzato così tanto gli altri designer?

No. Non mi aspettavo di vedere qualcosa di simile ai Parassiti che potesse essere chiamato "firmware ufficiale non ufficiale". Mi aspettavo 10 o 20 firmware non ufficiali con lievi modifiche e miglioramenti per soddisfare le esigenze individuali. C'è un divario tra ciò che gli altri designer hanno pensato che avrebbero copiato dal mio modulo e ciò che è realmente accaduto. Mi aspettavo qualcosa di un po 'più di dialogo. Guardando i miei schemi e il mio codice, trovando difetti e suggerendo modi migliori.

Ma sono davvero felice di vedere qualcosa come Ornament & Crime.

Hai pubblicato il codice non ha portato al debug o al miglioramento? È quello che immagino per la prima volta sui vantaggi della pubblicazione del codice.

Sto molto attento nella codifica e ho pochissimi bug quando il modulo viene rilasciato. Ciò che mi distingue da molti sviluppatori nel settore degli strumenti musicali è che scrivo la maggior parte del codice per un modulo in modo multipiattaforma, il che mi consente di testare le funzionalità di base di un modulo sul mio computer. Lo farò. Assegna valori casuali a tutte le manopole e CV per vedere se va bene se li tieni in movimento per ore o controlla se vi sono situazioni strane che potrebbero richiedere minuti per essere applicate con hardware reale. Puoi

Forse più persone erano più interessate (più audacemente) ad aggiungere qualcosa al codice piuttosto che semplicemente leggerlo, capirlo e capirlo per migliorarlo.


Per favore, dimmi come lavorare in ufficio. C'è qualcun altro che può aiutare?

Collaboriamo con una fabbrica in Normandia, che gestisce la produzione, i test e l'imballaggio. Lo invierò nella confezione del prodotto finito che tutti avranno. A volte, aumenteremo il numero di persone a 15 e le faremo finire.



Io stesso non assumo nessuno e faccio tutto il resto. Il mio lavoro quotidiano è diviso in due, 1/2, che è operazione commerciale (e-mail e spedizione con i clienti, riparazione dei moduli, questioni commerciali) e progettazione di nuovi prodotti. L'unico prodotto MI che non ho mai fatto è la progettazione grafica e il layout del pannello, che è gestito anche da altri produttori.Hannes PasqualiniÈ dovuto a.

Fai molte ricerche su nuove tecnologie e algoritmi di sintesi e pensi che ci siano ancora frontiere di sintesi che non sono state realizzate nel mondo Eurorack?

Cerco di essere sensibile alle nuove ricerche. Leggi gli atti della conferenza come DAFX e ICMC o leggi qualsiasi cosa sull'apprendimento automatico. Sto lavorando a una piccola raccolta di codice che implementa le idee che ho incontrato nel documento e penso di poter creare circa 20 moduli con esso. Ma per essere onesti, non funziona per Eurorack a causa della mancanza di potenza computazionale, latenza, mancanza di modulazione veloce o semplicemente non essendo modulare, ma ci sono molti argomenti tecnici interessanti. . E penso che non siano solo le cose futuristiche ad essere all'avanguardia, ma solo gli argomenti presenti. Trovo ancora molte scoperte nell'argomento classico di forme d'onda LFO interessanti e dati casuali utilizzabili musicalmente. Fai alcune scoperte interessanti come "che tipo di manopola hai bisogno per il modulo filtro?", "Che tipo di forma d'onda ti serve per l'oscillatore?", "Cosa c'è tra il generatore di inviluppo e il sequencer"? È abbastanza per

Hai una configurazione Eurorack per creare la tua musica, quali moduli hanno produttori diversi da Mutable?

Avevo un piccolo sistema con Doepfer, Intellijel e Make Noise, ma ogni volta che lo usavo, mi sentivo come se stessi testando o eseguendo il debug e volevo modificare il modulo, quindi era un uso personale. Non lo era. Mi sono trasferito in una nuova casa lo scorso ottobre, e in quel momento ho deciso di renderlo un posto per leggere e ascoltare musica, evitando il più possibile le attrezzature tecniche. Sono diventato un tipo di persona che non aveva un modulare in casa come Dieter (Dieter Doepfer, fondatore di Doepfer). Ho una piccola configurazione di 10 o 4 moduli sul posto di lavoro, che sono tutti in fase di sviluppo da parte mia. Non si tratta di riprodurre musica, si tratta di testare e suonare.

Come visto in INA / GRM, la Francia ha una lunga e completa storia di musica elettronica e musica concreta. Pensi di essere influenzato da tale storia e ricerca?

Anche se non l'ho ricevuto direttamente, devo essere consapevole che tali cose mi sono sempre state vicine. Ad esempio, ricordo che un libro di testo delle scuole superiori aveva un capitolo sulla musica elettronica e sono rimasto scioccato dalle foto in studio. Se sai che una cosa del genere esiste in un vero e proprio istituto di ricerca, sarà l'obiettivo della tua carriera. La Francia è stata tradizionalmente forte nell'elaborazione del segnale e nell'educazione matematica, e ne ha tratto beneficio personalmente, e grazie a ciò possono esistere laboratori come GRM e IRCAM.




I moduli digitali possono essere eccessivamente complessi, richiedendo la navigazione nei menu, una manopola con più funzioni e aggiornamenti del firmware. Esiste una politica di progettazione per questa complessità? Mutable uscirà mai con un modulo composto da un grande schermo OLED e codificatore?

Ho fatto un certo numero di errori al riguardo. Sembrerebbe questo se dovessimo fare delle linee guida per la progettazione ora.

-In ogni situazione, l'etichetta sul pannello e la funzione della manopola devono corrispondere.
Ad esempio, non creare una raccolta di funzionalità estranee come Peaks (manopole semplicemente etichettate 1,2,3,4), impostazioni nascoste di Clouds, Easter Egg, aggiornamenti ufficiali del firmware, ecc. Tuttavia, variazioni come la modalità Anelli vanno bene.

-Il modulo consente al musicista di inferire le impostazioni il più automaticamente possibile a seconda dello stato della patch, piuttosto che lasciare che il musicista prema un pulsante.
Come gli Rings, l'idea è di attivare o disattivare il trigger del suono, a seconda che sia applicato o meno al segnale in ingresso. (Quasi inosservato, questa è innovazione!)

-La combinazione di OLED ed encoder può essere utilizzata se è di un tipo come "imposta una volta e metti da parte", come un'interfaccia MIDI.
Lo sonoER-301Non riesco a pensare di progettare qualcosa del genere.


Ciò che mi viene in mente in questo momento è qualcosa di simile alla "convessità di un parametro". Un buon modulo dovrebbe essere in grado di generare una A in un'impostazione e una B in un'impostazione e qualsiasi risultato in mezzo. Dovresti anche evitare di andare in aree in cui non riesci a fare ciò che il tuo modulo può fare mentre persegui sempre più ciò che il tuo modulo può fare. Con un tale principio di progettazione, ad esempio, non è consentito essere un gruppo di funzioni non correlate o un modulo con una funzione bonus che CV non può controllare così tanto.

Tides and Rings sono i miei moduli e modelli preferiti per il mio design in questo momento. Braids non mi piace molto e penso che sia stato un errore per Clouds.

Potresti spiegare qualcosa in più su "come piegare"? Per me, "ottenere qualsiasi risultato tra A e B" non è "come piegare" ma "continuità". Significa che devi regolare correttamente la curva della curva che collega A e B in modo tale che ci siano quanti più punti dolci musicali (punti in cui viene prodotto un buon suono) possibile in quella curva?

Non è solo continuità. È importante poter passare tra le due impostazioni in un percorso continuo che impedisce agli utenti di accedere ad aree di parametri indesiderate. In un semplice esempio, un oscillatore che può emettere un'onda di impulso con una larghezza dall'2% al 1% regolando la larghezza degli impulsi. Ciò consente una transizione graduale tra due impostazioni dall'99% al 1%. Questo è un percorso continuo, ma lascia anche alcune aree irraggiungibili (come più suoni che squillano). Non è possibile risolvere il problema semplicemente spostandosi continuamente con la manopola.

È giusto il punto debole. Questo è un concetto chiave. Dovresti mirare al punto giusto quando giri la manopola.

Il "set casuale di funzionalità" trovato in Braids and Clouds sembra essere preferito dagli utenti, a differenza dei tuoi gusti. Sei preoccupato per questa discrepanza?

Non proprio Prima di tutto, Braids and Clouds è diventato popolare perché non ce n'era uno simile nel mercato Eurorack. Anche se Clouds ha solo la modalità granulare principale, penso che piaccia agli utenti. Piuttosto, potrebbero aver trascorso più tempo a imparare come usarlo e gli è piaciuto di più. Le trecce sono uguali. Anche se accendi l'alimentazione e non tocchi l'encoder, è un buon oscillatore. Mi sono davvero chiesto se esiste una funzione "Modello del giorno" che selezionerà casualmente una modalità quando la accendi e si bloccherà in quella modalità fino a quando non la riaccendi.

Inoltre, se agli utenti piacciono i vecchi moduli ricchi di funzionalità rispetto ai moduli più coerenti che ho oggi, sono felice di personalizzare ciò che mi piace. .

La mutevole per il 2017 è ancora piuttosto statica, puoi parlarci dei tuoi piani per il 2017?

Ci sono nuovi moduli che completano la formazione attuale e ci sono moduli che sono stati rifatti dalla radice. Non è un aggiornamento come Mk II, ma un'idea come questa. `` Qual è il nuovo modulo X, Y, Z che può fare la stessa cosa rattoppando i moduli A, B, C esistenti e considerando anche la flessione di più? ''

Questo è un modo interessante. Nel nuovo framework, che è consapevole di come si muovono i parametri, il nuovo modulo non è un insieme di funzioni casuali non correlate, ma piuttosto un insieme più coerente di funzioni come Tides and Rings, giusto?

Esatto Ciò non significa che si desidera eliminare i moduli multifunzionali, ma in tal caso tutte le funzioni devono essere derivate da un principio sottostante, o almeno i ruoli di manopole e prese devono essere uniformi. Le maree, ad esempio, agiscono come LFO, VCO e inviluppi, ma questo non è un GN. Il motivo è che guardando il contenuto del modulo, lo stesso codice sorgente aumenta e diminuisce la tensione in tutte le modalità e le varie funzioni sopra descritte aumentano e diminuiscono solo una volta (inviluppo) L'unica differenza è se ripetere a bassa velocità (LFO) o ripetere ad alta velocità (VCO). Serge DSG è un modulo con funzionalità simili, che consente agli elementi sottostanti (tensione su e tensione giù) di funzionare in modo diverso.

Puoi aspettarti di trovare la risposta alla domanda "Cosa c'è tra il generatore di inviluppo e il sequencer" in un modulo progettato con il tuo nuovo framework?

Sì. Ma non arrabbiarti se non verrà rilasciato nei prossimi sei mesi o se non lo farà.

Come pensi che apparirà il mondo Eurorack tra 10 anni e pensi che emergano attrezzature e strutture più interessanti di Eurorack?

Siamo fiduciosi che tra 10 anni, metà dei nostri attuali utenti si trasferiranno in qualcos'altro. Tuttavia, arriveranno così tanti nuovi utenti. Man mano che invecchi, diventi nostalgico e alcuni giovani vorranno farlo.

Com'era il mondo dei synth nel 2007? Con molti plug-in e synth analogici virtuali desktop, non c'erano molti analoghi reali e quando si trattava di modularità sembrava un'informazione riservata. Non sorprende che ci saranno cambiamenti ancora maggiori rispetto a quelli dal 2017 al XNUMX.

Esiste un quadro migliore? Forse esistono formati modulari migliori di Eurorack e persino migliori per quelli che non sono orientati al controllo CV. Insieme a Eurorack, c'è qualcosa che io chiamo "orchestra da tavolo", che sta crescendo. Volca, Pocket Operator, Meeblip e pedale per chitarra ... È uno stile che collega questi sul tavolo. Potrebbero esserci opportunità di integrazione con Eurorack. In tal caso, le unità desktop e i moduli hanno le stesse dimensioni standard, connettore di alimentazione, porta, ecc., In modo che possano essere inseriti nello stesso caso. Sto attento agli strumenti che sono stati estremamente integrati sin dall'inizio. Se si collegano varie cose che non sono direttamente correlate tra loro, saranno contorte, ridotte e talvolta l'affidabilità sarà compromessa, ma questa svolta è immaginativa e non un difetto.

 

Moduli selezionati da Strumenti mutabili

  • Mutable Instruments Marbles

    ¥ 38,830 (IVA esclusa ¥ 35,300)
    Disponibile
    Modulo CV / gate casuale a 7 uscite in grado di controllare la correlazione temporale e la forma della distribuzione

    CARATTERISTICHE MUSICALI Marbles è un generatore random gate / CV con molte uscite e ingressi CV.La tensione casuale in uscita può essere limitata in vari modi (ad es. Sincronizzazione con un clock esterno, frequenza di ripetizione, comparsa di eventi rari, tensione casuale a gradini tradizionale, ecc.). t ...

    dettagli
  • Mutable Instruments Plaits

    ¥ 28,930 (IVA esclusa ¥ 26,300)
    Disponibile
    Modulo vocale oscillatore-synth con 16 modelli

    CARATTERISTICHE MUSICALI Plaits è un modulo vocale oscillatore / sintetizzatore digitale che può utilizzare molti modelli (algoritmi). Il vecchio design delle trecce dell'oscillatore di Mutable non è stato ereditato e sia l'hardware che il software sono stati riprogettati da zero. Molti algoritmi ...

    dettagli
  • Mutable Instruments Ears

    ¥ 12,650 (IVA esclusa ¥ 11,500)
    Disponibile
    Modulo di ingresso esterno con microfono a contatto

      CARATTERISTICHE MUSICALI "Ears" è un modulo di ingresso del segnale esterno con un microfono a contatto, che è stato collaborato dal produttore di moduli Music Thing centrato su kit fai-da-te e strumenti mutabili. Music Thing's Mikrophonie ...

    dettagli
  • Mutable Instruments Stages

    ¥ 38,830 (IVA esclusa ¥ 35,300)
    Prevendite
    Un multi-modulatore che combina 6 fasi per creare più inviluppi, LFO e sequenze

    CARATTERISTICHE MUSICALI Stages è un modulatore che combina più fasi per creare più buste, LFO e sequencer. Sono anche possibili un inviluppo a 6 stadi complesso, un inviluppo AD e un sequencer a 6 passaggi. Come combinare le fasi ...

    dettagli


Versione inglese

Prima di tutto, potresti spiegare come sono iniziati gli strumenti mutabili? Cosa hai fatto prima di fondare la tua azienda?

Prima di avviare Mutable Instruments, i miei due interessi principali erano l'elaborazione del segnale (in particolare l'analisi automatica delle canzoni per estrarre il tempo, riconoscere il genere, ecc.) E l'apprendimento automatico. Ho lavorato su questo tipo di cose nelle grandi aziende tecnologiche: Google, Last. e una startup francese piuttosto oscura, il mio lavoro consisteva principalmente nella ricerca e nel trasformare la ricerca in software.

Ho iniziato a giocare con le schede Arduino nel 2009 per insegnarmi l'elettronica e i sistemi embedded.Il mio primo serio progetto di elettronica è stato un monosintismo ibrido, ne ho parlato in un paio di forum e poiché altre persone volevano costruirne uno anche per loro ho iniziato a vendere Questo come un kit fai-da-te.Questo kit fai-da-te (lo Shruthi-1) è diventato molto popolare e dopo aver venduto diversi lotti di essi ho dovuto creare una società per motivi fiscali e questa società è diventata gradualmente la mia attività principale e la principale fonte di reddito. .

Originariamente Mutable Instruments vendeva sintetizzatori desktop sotto forma di kit fai-da-te: Shruthi (un ibrido mono), Ambika (un ibrido poli) e Anrushi (un analogico mono). Che cosa mi ha allontanato dal mondo del fai-da-te? frustrazione per problemi di supporto e necessità di fare cose più potenti e belle ...

Quando ti sei imbattuto in sintetizzatori modulari (in particolare Eurorack)? Hai deciso di diventare tu stesso un produttore di Eurorack subito dopo questo primo incontro? Cosa ti ha fatto andare in quella direzione?

La gente mi chiedeva da tempo un modulo oscillatore Shruthi ma Eurorack era davvero qualcosa di strano e estraneo per me. Nel 2012 ho comprato un sistema Doepfer 6U, principalmente perché avevo bisogno di LFO, orologi, forme d'onda grezze ecc. Per testare i circuiti che ero progettando, come le schede filtranti Shruthi, l'ho davvero pensato come un acquisto di apparecchiature di prova! Ma mi sono subito appassionato e ho deciso di creare moduli in questo formato. Ha risolto piacevolmente un problema che stavo affrontando in quel momento; avevo progettato un grande polisintone (una versione di fascia alta dell'Ambika) ed ero titubante sul fatto che avrei dovuto correre il rischio di lanciarlo attraverso la produzione di massa. Il denaro che dovevo investire era molto grande, e questo è stato il mio primo serio progetto industrializzato. I moduli Eurorack sembravano un modo più semplice per iniziare, con una curva più progressiva e costi di produzione che potevo permettermi.

Se ricordo bene, i tuoi prodotti sono stati open-source e open-hardware sin dall'inizio. Perché hai preso questa decisione?

Fa parte del mio background scientifico / accademico in cui la condivisione è un'abitudine. È perché sono davvero sconvolto dal modo in cui alcune aziende di hardware o plug-in fanno credere alle persone che ci sia un "ingrediente magico" nel loro prodotto: essere trasparenti su come il tuo il funzionamento del prodotto è un rimedio contro questo. È anche perché so quanto può essere frustrante quando colpiamo le limitazioni del firmware o del software quando si utilizza un prodotto hardware, volevo dare ai miei clienti la possibilità di personalizzare i loro moduli in modo che potessero bypassare queste limitazioni.

Sembra che la tua strategia open source abbia avuto un grande successo, perché sono emersi molti firmware alternativi di terze parti come Parasites e i tuoi codici vengono riciclati in altri moduli open source come Ornament & Crime. Immaginavi che la tua strategia avrebbe avuto una così grande influenza su altri designer?

Non avevo davvero previsto l'accaduto. Non mi aspettavo che qualcosa come Parassiti, che è molto profondo, diventasse il "firmware ufficiale non ufficiale". Pensavo che ci sarebbero stati dieci o venti firmware alternativi, con lievi modifiche o miglioramenti adatti alle esigenze personali.

C'è un po 'di discrepanza tra le cose che mi aspettavo che gli altri designer "copiassero" dai miei moduli e ciò che è realmente accaduto. In qualche modo mi aspettavo più di un dialogo: persone che guardavano i miei schemi o codice e trovavano difetti, dandomi suggerimenti cose che potrei fare meglio, ma sono davvero felice di vedere qualcosa come Ornament & Crime.

Quindi rendere pubblico il tuo codice non ti ha aiutato a eseguire il debug / migliorare il tuo codice? Questo è quello che mi sarei aspettato di essere il merito principale di rendere pubblico il codice in primo luogo!

Sono molto meticoloso con la codifica e ci sono state pochissime occorrenze di bug che entrano nei moduli una volta rilasciati. Una cosa che mi distingue dagli altri sviluppatori nel mondo degli strumenti musicali è che una larga parte del codice di ogni modulo è scritto in modo multipiattaforma, il che significa che posso testare ed eseguire le funzionalità principali del modulo sul mio computer di sviluppo, non sull'hardware reale. Ciò mi consente di condurre "test delle scimmie" in cui fornisco valori casuali a tutti manopole / CV per ore e verificare che non si verifichi un arresto anomalo e, più in generale, verificare cosa accadrebbe in situazioni strane che richiederebbero minuti per riprodursi con l'hardware reale.

Nel complesso, penso che ci siano più persone interessate ad aggiungere al codice che a leggerlo e cercare di capire come funziona e come potrebbe essere migliorato.

Potresti spiegare in che modo gestisci la tua attività presso il quartier generale mutevole? Altre persone ti aiutano lì?

Ho una partnership con un produttore a contratto in Normandia che gestisce tutta la produzione, i test, l'imballaggio: mi spediscono palette di scatole finite, le stesse scatole che compri. A volte ci sono fino a 15 persone che lavorano contemporaneamente sui moduli nella loro fabbrica Di conseguenza, non ho dipendenti e faccio tutto da solo. La mia giornata è divisa al 50/50 tra la gestione dell'azienda (rispondere alle domande dei clienti, gli ordini di spedizione, i moduli di riparazione, le mansioni amministrative) e la progettazione di nuovi prodotti. L'unica cosa che non creo da me in un prodotto di strumenti mutabili è il design grafico e il layout del pannello, gestito da Hannes Pasqualini, che ora progetta anche per altri marchi.

Cerchi spesso nuove tecniche / algoritmi per la sintesi? Pensi che ci siano ancora molte nuove frontiere nel campo della sintesi che non sono ancora state implementate nel mondo di Eurorack?

Cerco di rimanere aggiornato con le ultime ricerche, leggendo gli atti di conferenze come DAFX o ICMC e qualunque cosa stia succedendo nell'apprendimento automatico. Ho una raccolta di piccoli frammenti di codice che implementano idee che incontro nei documenti, abbastanza da rendere 20 moduli o giù di lì. Ma per essere onesti, ci sono molte cose eccitanti che non sono pronte per Eurorack, sia a causa di problemi di potenza computazionale o latenza, sia perché sarebbero considerate troppo "non modulari" o non gestiscono modulazioni veloci E il futuro non è l'unica frontiera, possiamo anche guardare al presente. Penso che ci siano ancora molte cose da scoprire su noiose, vecchio stile, piccole cose come la generazione di famiglie di forme d'onda LFO interessanti o dati casuali musicalmente utili. Mettere semplicemente in discussione cose come "Quali manopole dovrebbero esserci su un modulo filtro?", "Quali forme d'onda dovrebbero essere disponibili in un oscillatore?", "Cosa c'è nello spazio tra un generatore di inviluppo e un sequencer?" È sufficiente per consentire scoperte interessanti .

Hai la tua configurazione Eurorack per la creazione di musica? In caso affermativo, quali altri produttori / moduli ci sono?

Avevo un piccolo sistema con i moduli Doepfer, Intellijel e MakeNoise, non i miei moduli perché ogni volta che li usavo mi sembrava di fare test / debugging e questo mi dava la spinta a modificarli. Lo scorso ottobre mi sono trasferito in un nuovo appartamento e ho deciso che sarebbe uno spazio per la lettura e l'ascolto della musica, con il minor numero possibile di apparecchiature tecniche, cavi, ingombro ... quindi non ho portato nessuna attrezzatura musicale / audio. Immagino di essere come Dieter Doepfer ora, con non modulare a casa. Al lavoro ho una piccola configurazione con 4 o 5 moduli, tutto ciò che sto sviluppando è più nuovo, ma è più un test e un gioco che un vero progetto musicale.

La Francia è stata famosa per avere una lunga storia di musica elettronica / musica come INA / GRM Sei influenzato da quel tipo di storia / ricerca?

Non direttamente, ma non posso fare a meno di pensare che questa roba sia sempre stata in giro, per esempio c'era un capitolo al riguardo nel mio libro di testo musicale della scuola media e ricordo di essere rimasto colpito dalle foto in studio. esiste, che sta accadendo in un'istituzione legittima e seria è sufficiente per trasformarlo in un obiettivo di carriera. Esiste anche una buona tradizione di insegnamento dell'elaborazione del segnale e della matematica in Francia di cui ho beneficiato e che spiega l'esistenza di istituti come il GRM o IRCAM.

A volte i moduli digitali diventano troppo complessi a causa dell'immersione dei menu, delle funzioni multifunzione per manopola, di numerosi aggiornamenti del firmware e così via. Hai qualche politica di progettazione specifica sulla complessità dei moduli? Vedremo in futuro moduli da te che hanno un grande OLED schermi ed encoder?

Bene, ho fatto molti errori su questo fronte! La mia attuale serie di linee guida sarebbe:

-In ogni circostanza, l'etichetta stampata sul pannello dovrebbe corrispondere alla funzione della manopola.
Ciò proibisce moduli che sono raccolte di funzioni non correlate come Peaks (con le manopole etichettate semplicemente 1, 2, 3, 4), impostazioni nascoste come Nuvole o uova di Pasqua e rilasci di firmware alternativi "ufficiali". Variazioni (come le varie modalità di Rings) sono a posto.

-Il modulo dovrebbe cercare di inferire quante più impostazioni possibili dal modo in cui il modulo è patchato, invece di chiedere al musicista di premere i pulsanti.
Il modo in cui Rings passa a un eccitatore interno / esterno a seconda che l'ingresso del segnale sia corretto è un'idea chiave (un'innovazione che pochi hanno notato!).

I display e gli encoder -OLED potrebbero essere OK per qualcosa che richiede molte impostazioni "imposta e dimentica", come un'interfaccia MIDI.
Ma non mi vedo progettare qualcosa di simile all'Ortogonale Dispositivi ER-301.

L'idea che rimane molto nella mia testa al momento è quella di "convessità". Un buon modulo dovrebbe sentirsi "convesso", nel senso che se puoi ottenere il risultato A da esso e un altro risultato B da esso, dovresti anche essere in grado di ottenere qualcosa tra di loro. O le cose che può fare non dovrebbero spingerti verso una direzione in cui noterai le cose che non può fare. Come principio di progettazione, che esclude molte cose, come raccolte di funzioni non correlate, o moduli con funzionalità "bonus" che non sono completamente controllabili dal CV.

Tides and Rings sono i miei moduli preferiti e al momento servono come modelli per i nuovi progetti: Braids non è il mio modulo preferito e considero Clouds un errore.

Potresti approfondire la "convessità"? "Ottenere qualsiasi risultato tra A e B" suona come continuità, non convessità. Vuoi dire che devi mettere a punto la convessità della curva virtuale continua che collega A e B, per rendere il curva ha più punti dolci possibili?

Non è solo continuità (o connessione-percorso: sarebbe la nozione più accurata) -puoi avere un percorso continuo tra due impostazioni che non ti porta ancora dove vuoi che vada. Un esempio sciocco sarebbe un VCO la cui PW il controllo si comporta in questo modo: giralo in senso antiorario e ottieni un impulso con un rapporto dell'1%, giralo in senso orario e ottieni un impulso con un rapporto del 99%, e nel frattempo ottieni solo una dissolvenza incrociata tra queste due impostazioni. Questo è un percorso continuo, ma lascia ancora un vuoto, c'è un tipo di suono (il quadrato "vuoto" con un duty cycle del 50%) che questo non coprirebbe. Quindi avere tutte le impostazioni continue (tutte le manopole, nessun interruttore) non risolve il problema.

Ma hai ragione riguardo ai punti deboli: questa è l'idea chiave ... Assicurati che quando si gira una manopola, visitiamo i punti deboli.

Le persone sembrano adorare la "collezione di funzioni casuali" che si trova su Braids and Clouds, al contrario del tuo like / antipatia. Ti preoccupi per questa discrepanza?

Non molto, in primo luogo, perché ciò che ha reso popolare Braids and Clouds è che sul mercato Eurorack non esisteva nulla di simile prima. Se Clouds avesse solo la sua modalità granulare principale, sono abbastanza sicuro che la gente lo avrebbe ancora amato, e forse lo farebbero ho impiegato ancora più tempo a imparare ad usarlo e ad amarlo di più. Stesso per le trecce, anche se lo accendi con un modello e non tocchi l'encoder (ho davvero pensato a questo "modello del modello del giorno" - il modulo si accende in un modello scelto casualmente e rimane bloccato lì fino a quando non lo si riaccende), è un ottimo oscillatore.

E bene, anche se le persone preferiscono il "vecchio" modulo ricco di funzionalità invece delle cose più snelle che ora occupano la mia mente, almeno avrò la felicità di rendere le cose di cui sono più felice.

Mutable Instruments nel 2017 è stato finora abbastanza tranquillo. Quali sono i tuoi piani per il 2017?

Nuovi moduli che completano la collezione esistente, ma rielaborano anche i fondamenti, non nel senso delle versioni MkII, ma attraverso questo tipo di approccio: "Possiamo fare ciò che fanno i moduli A, B, C quando vengono rattoppati insieme a nuovi moduli X, Y, Z-con X, Y, Z più "convesso" di A, B, C? "

Quel tipo di rielaborazione sembra interessante, quindi i nuovi moduli (che servono in una struttura più convessa) non avranno funzioni casuali non correlate, ma avranno raccolte più coerenti di funzioni come in Rings and Tides?

Sì. Questo non significa che escluderò i moduli multifunzione, ma se sono multifunzione, dovrebbe essere o dallo stesso principio di base, o almeno con l'uniformità di ciò che fanno le loro manopole / jack. Ad esempio, anche se Tides può funzionare come un LFO, VCO, generatore di inviluppo, non lo vedo come un modulo multifunzione “malvagio”, perché se guardi all'interno del codice del modulo, vedi lo stesso codice che gestisce una tensione che sale e verso il basso e le varie funzioni sono ottenute semplicemente cambiando se questo movimento su / giù viene eseguito una volta (inviluppo), o molte volte alle basse frequenze (LFO) o molte volte alle alte frequenze (VCO). Serge DSG è di questo stesso tipo di sapore multifunzionale, in cui esiste un principio di base che può essere utilizzato e abusato in diversi modi.

Possiamo aspettarci moduli nel tuo nuovo framework che rispondano a domande del tipo "Cosa c'è nello spazio tra un generatore di inviluppo e un sequencer" (riferimento alla risposta a Q6, sopra)?

Sì, ma non preoccuparmi se non verrà rilasciato nei prossimi sei mesi o se non verrà rilasciato affatto.

Come sarà il mondo di Eurorack tra dieci anni? Pensi che ci sarà uno strumento / quadro più interessante di Eurorack a quel punto?

Sono abbastanza sicuro che metà delle persone passerà a qualcos'altro, ma saranno sostituite da nuove persone: anziani che diventano nostalgici, giovani che vogliono retro, ecc.

Com'era il mondo dei synth nel 2007? Molti plug-in e VA desktop, non molto roba analogica e modulare erano confidenziali.Non c'è motivo per cui il 2027 sarà meno diverso dal 2017 rispetto al 2017 rispetto al 2007.

Può essere un formato modulare migliore di Eurorack e non orientato al controllo CV. Una tendenza che è cresciuta parallelamente a Eurorack è quella che chiamo "orchestre da tavolo": scatole come Volcas, Pocket Operators, Meeblips, guitar Forse ci sarebbe un'opportunità per fondere questo con Eurorack in modo che unità desktop e moduli possano avere dimensioni standard, connettori di alimentazione, porte I / O e vivere felici insieme nello stesso caso. Diffiderei di alcuni strumenti estremamente integrati: c'è una sorta di sensazione "traballante" nel collegare insieme cose non correlate in un modo non sempre affidabile. Questa arroganza è stimolante e non è un difetto che dovrebbe essere riparato.

 

logo di strumenti mutabili

Prossimo Crea una sequenza con campione e tieni premuto
x